mercoledì 23 gennaio 2013

Donne nepalesi

Le figlie di Kisun Naue
Queste bimbe non vedranno più la loro mamma. Il peso di una cultura malvagia ha strappato loro l'attenzione di Kisun Naue, una donna di Nwalparasi (Lumbini). 26 anni, due figlie  e il peso di aver messo al mondo un'altra femminuccia. Il timore del commento negativo della comunità, le pressioni della famiglia, le preoccupazioni per la futura dote e la superstizione hanno portato Kisun a cospargersi di kerosene e a darsi fuoco. Ogni anno in Nepal migliaia di donne muoiono in circostanze tragiche, vittime di omicidio, misteriose scomparse o  forzati suicidi. La causa di tutto questo è tra le pieghe di una società che vede ancora la donna come essere inferiore. Le donne del Nepal, le donne dell'India, le donne del Bangladesh, le donne......

2 commenti:

Elisa Chiodarelli ha detto...

è una cosa terribile, come ci siano tante donne nell'impossibilità di vivere una vita dignitosa per cause assurde. In India in questi giorni di viaggio appena passati, sui quotidiani c'erano sempre molti articoli sullo stupro accaduto a Delhi a metà dicembre. La gente è scandalizzata, perlomeno quella che scrive o legge i giornali...
E' ancora un lungo cammino, quello di buona parte delle donne nel mondo.

Sonia.namaste Namaste ha detto...

Hai ragione.
Ma spero che qualcosa riesca a cambiare. Anche in Nepal sono sul piede di guerra. Cambierà poi qualcosa?