lunedì 12 novembre 2012

Diwali e Tihar

La mia preghiera. 2009
Arriva Diwali. Domani iniziano i festeggiamenti in tutti i paesi hindu e non solo.
Il re divino Rama torna ad Ayodhya dopo 14 anni di esilio. Con lui la fedele sposa Sita.
Il termine  dipawali, dal quale diwali, proviene dal sanscrito dipa, lampade, e avali, file. La fila di luci è quella che accoglie il ritorno del re, il trionfo della luce della conoscenza sull'oscura ignoranza.
Il secondo giorno, il Choti diwali, piccolo diwali, si celebra il ritorno di Krisna da Pragyotishpur, in Nepal, dove il dio ha sconfitto il demone Narakasur. Al suo rientro il dio è lavato, oliato e profumato dalla sue donne. In ricordo di tali riti si è soliti svegliarsi all'alba per un bagno rituale e segnare la fronte con il sindur.In Nepal questo secondo giorno prende il nome di Vahada Bhairava e le particolari attenzioni vengono date ai cani agghindati e nutriti con affetto.
La vera festa delle luci ci sarà il terzo giorno di festeggiamenti, giovedì, quando la luce verrà esposta in ogni casa per segnare la strada alla dea Lakshmi. Il giorno successivo segna l'inizio del  Vikram-Samvat, il calendario introdotto dal re Vikramaditya. Tale calendario è valido tutt'oggi in Nepal.Secondo i Vishnu-purana in tale giorno si celebra la fine del monsone e la benedizione dei raccolti.
Il quinto giorno si celebra il bhav bij, il bhai tika in nepalese. Questa festa è particolarmente significativa: celebra la visita che Yama, il dio della morte, fece a sua sorella Yami. Per l'occasione Yami pose sulla sua fronte il tilak e preparò cibi deliziosi. In ricordo di questo lieto incontro  il dio decise che chiunque avesse ricevuto doni e benedizioni dalle sorelle non sarebbe mai stato colpito dalla sfortuna. La cerimonia della tika viene celebrata con grande enfasi, soprattutto in Nepal. L'estensione dell'identità di sorella viene data spesso anche in assenza di determinati rapporti sanguinei..
Il nome nepalese della festa di Diwali e Tihar. Se ne è parlato qui e qui
Le tradizioni nepalesi seguono i ritmi agricoli e danno molta importanza agli animali. Nei primi tre giorni festivi vengono ricordati con attenzione i corvi, i cani, le mucche.

Gar ma Laxmi ko baas hos
Satruko naas hos
 harek kamana fulfil hos
 beer ko karsat hos
  tihar ko shubhakamana khas  hos

Che Lakshmi  porti luce, prosperità e ricchezza a tutti


6 commenti:

Clara ha detto...

Ti ho linkata nel mio nuovo blog, perché mi è tanto piaciuto questa tua spiegazione del Diwali.

Happy Diwali, cara Sonia, e grazie del tuo luminoso pensiero.

sonia.namaste ha detto...

grazie Clara,
un luminoso abbraccio

Nela San ha detto...

Una calda luce accompagni anche il tuo cammino universitario. Complimenti per il post, interessantissimo. Bye&besos luminosi.

Silvia Merialdo ha detto...

Buon Diwali a Sonia e a tutti!
Bello vedere le diversità fra un posto e l'altro, pur essendo una festa molto simile in tutto il subcontinente!
In Bengala non è celebrata Lakshmi, ma Kali (in questi giorni mi stanno arrivando centinaia di messaggi da Calcutta per la Kali Puja): figurati se i bengalesi perdono un'occasione per adorare Kali!

sonia.namaste ha detto...

Un caro augurio a tutte voi

Clara ha detto...

Ricambio gli auguri a tutte/tutti. Oggi, nonostante il grigio, mi sento una candelina accesa :-)